Tracciare Adsense con Analytics: l'integrazione arrivata

Lo ammetto: usare Google Analytics per tracciare (ed ottimizzare) le performance delle inserzioni di Google Adsense, è la mia croce e la mia delizia.

Croce perché i rapporti di Adsense sono assolutamente inadeguati per svolgere analisi di tipo qualitativo, in quanto forniscono solo informazioni quantitative (seppur ben segmentate, usando i criteri) sul numero di click, sulle impression, sul CTR e sull’eCPM. Idem, per i ricavi.

Incrociare i dati di utilizzo delle pagine del sito (cosa che ben fa Analytics, dal canto suo) con quelli di interazione degli utenti con gli elementi di Adsense, è una delizia, perché permette di capire tante cose utilissime, ed ottimizzare Adsense di conseguenza.

Sapere quali sono le pagine, le keyword e i vari segmenti che performano meglio in termini di CTR e Revenue in Adsense, permette di capire dove conviene lavorare per ottimizzare il rendimento degli annunci contestuali nel proprio sito.

Individuare gli utenti ed i comportamenti più remunerativi, le keyword, le pagine ed i referral e  più redditizi significa sapere cosa testare, e dove investire per massimizzare il ROI di Adsense.

Un tracciamento degli Adsense integrato nativamente in Google Analytics?

È probabile che ci sarà. Mi accorgo solo adesso che due anni fa, il team di Analytics chiese un feedback agli utenti iscritti a entrambi i servizi, presumibilmente proprio allo scopo di studiare una possibile integrazione.

UPDATE: è disponibile la pagina ufficiale di aiuto circa i Rapporti AdSense in Google Analytics, ed il video introduttivo sulle feature disponibili.

Ebbene, i rumor di oggi parlano di quel che potrebbe essere il risultato di questo studio. Non è ancora una funzionalità disponibile al pubblico, ma pare che qualcuno la stia già testando.

UPDATE 2: finalmente l’integrazione è disponibile per tutti i publisher, anche in Italia! Evviva! 😀

Il blog TheGoogleCache ha infatti pubblicato un post dove vengono descritti ed illustrati i vari pannelli di una nuova sezione dedicata a Google Adsense, all’interno della piattaforma di Google Analytics.

Il post è stato rimosso (404), ma poiché il blog offre un feed, il contenuto integrale dello stesso è ancora disponibile (direttamente dai server di Google, con tanto di screenshot! Perfavore, avvisatemi se il link non dovesse funzionare più).

Nell’articolo l’autore mostra le informazioni disponibili riguardo ai click Adsense: li si può segmentare per pagina e per sito di provenienza. È possibile ordinare i dati in base ai consueti parametri Adsense (CTR, eCPM…), e visualizzare un trend delle performance dei contenuti Adsense.

Ecco una schermata che mostra l’apporto dei Referral Sites alle performance ed ai rendimenti di Adsense:
Schermata Referral di Adsense in Analytics

(immagini tratte da TheGoogleCache.com)

Non vi è traccia tuttavia della ricerca nel sito (ricerca Adsense, intendo): spero che venga integrata anche questa parte di rapporti degli Adsense nell’omonima sezione in Analytics.

Cosa conviene tracciare per ottimizzare i rendimenti Adsense?

L’autore di TheGoogleCache dà un suggerimento che condivido pienamente:

  1. Identifica le pagine che ospitano gli annunci più remunerativi
  2. Scegli tra queste le pagine con i CTR più elevati
  3. Studia il tipo di traffico che ricevono alti tassi di click da SERP organiche
  4. Trova tra queste quelle che potrebbero posizionarsi meglio per la keyword più performante

E voi? Quali dati utilizzereste per ottimizzare le performance di Adsense se questi fossero disponibili, ed in che modo?

Come tracciare oggi l’uso di Adsense (con Analytics)?

Intanto che aspettiamo che questa nuova funzione di Analytics venga resa disponibile (e spero accada presto, perché ho già l’acquolina in bocca), è già possibile tracciare i click di Adsense nel profilo di Google Analytics, in qualche modo.

A tal scopo consiglio (ed utilizzo) questo ottimo script che permette di impostare il Click su un elemento Adsense come Obiettivo in Analytics . Lo script ha i suoi limiti, va detto: il tracciamento è “non ufficiale di Adsense” innanzitutto, e poi essendo un Obiettivo di Analytics non è facile tracciarne il Conversion Rate a livello di pagina (a meno di non smanettare con la simulazione di ecommerce, che devo ancora sperimentare – anyway grazie ancora, Daniela!)

Chi non volesse utilizzare Analytics può optare per una soluzione self-hosted: a tal proposito segnalo AsRep, ma non l’ho mai provato – e voi?

P.s. Vado in vacanza, ci si rilegge a metà settembre!

Sì, voglio ricevere la newsletter

Inserisci i tuoi dati per accedere ai contenuti esclusivi.

12 thoughts on “Tracciare Adsense con Analytics: l'integrazione arrivata

  1. Pingback: diggita.it
  2. Si sa qualcosa quando si concluderà questo passaggio, perchè io ho i 2 sistemi ormai da quasi 2 anni, ma non mi è ancora stato possibile attivare l’integrazione, quando sembra che tutti gli altri ce l’abbiano.

  3. Io gestisco tre account adsense. Oggi mi è stato possibile per la prima volta attivare l’integrazione, solo su uno dei tre. Non penso che ci vorrà ancora molto per tutti gli altri.

  4. “Gentile Angelo,

    La ringraziamo per il messaggio. Al momento, non sappiamo ancora esattamente in quale data l’integrazione di AdSense e Analytics verrà resa disponibile per tutti i publisher. Tuttavia, sarà nostra premura inviare una notifica al suo account o tramite email non appena questa funzione sarà disponibile per un pubblico più vasto.”

    Questa è la risposta alla mia richiesta di chiarimenti. Ironico è che pochi giorni dopo è uscito il video di spiegazione dell’integrazione :), spero che arrivi presto dato che mi interessa vedere i dati invernali e confrontarli con quelli estivi.

  5. Angelo, sono sorpreso: credevo che ormai l’integrazione fosse possibile per tutti.

    Dato che i dati iniziano ad essere tracciati in Analytics dal momento in cui esegui l’integrazione, può darsi che mentre aspetti ti convenga valutare un’alternativa: con lo script scaricabile da seobook io mi son trovato bene.

    In ogni caso, auguri per una rapida integrazione dei tuoi account!

  6. Si si finalmente è arrivata anche a me,pian piano raccoglie i dati ma fino a quando non raggiunge almeno le quote di un mese non so quanto mi possono servire.

    Poi mi metterò anche a leggere un po’ i modi per utilizzarlo al meglio anche perchè io ho tantissime pagine dato che ho una specie di database di parchi.

    Non capisco perchè però mi segna le pagine anche se hanno 0 click e quindi 0 guadagno.

  7. Ragazzi, ma per caso sapete se è possibile avere i dati incrociati anche di prima dell’attivazione?
    A me l’hanno attivato proprio ieri, ma vedo con rammarico che i dati iniziano – appunto – solo da ieri! 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *