Essere al primo posto su "Myspace"

Con questo post vorrei rilanciare una considerazione che medito da tempo, e che è ben riassunta da questa frase:

il posizionamento non serve (quasi) a nulla“.


L’occasione di scriverne me la dà Microsoft, che ha regalato a questo blog un posizionamento top, ma assolutamente improbabile: infatti, da qualche giorno sulle versioni italiane di msn e live al primo posto per la chiave secca “myspace” campeggia un mio post:

Serp 'Myspace' su Live.com Italia

Da notare come it.myspace.com sia solo terzo, per di più con una descrizione veramente imbarazzante, anche se indubbiamente invitante (il meta description – questo sconosciuto?) ed un title che potrebbe essere più adeguato (ci provo: “MySpace Italia”?).

Le ragioni tecniche del mio posizionamento sono facilmente intuibili (alta keyword density, serp non competitiva, link interni ed esterni con la key), così come se ne possono immaginare gli effetti: un marcato aumento degli accessi, accompagnato da un’impennata del bounce rate.

In questa situazione il posizionamento non serve a nulla, anzi è dannoso (spreca risorse inutilmente ed alza il bounce rate, il che non è bello).

Cosa fare allora per trarre comunque vantaggio da una situazione simile? Ecco alcune strade percorribili che mi sono venute in mente:

  1. Modificare il contenuto della pagina per accordarlo ai bisogni degli utenti che la trovano per chiavi generiche – non se ne parla proprio!
  2. Modificare il title e lo snippet in modo da dirottare altrove alcuni degli utenti “generici” già dalla serp – sarebbe poco efficace, e comunque non mi va di farlo.
  3. Aggiungere in testa all’articolo, ben evidenti, link che fungano da “search refinements” e che portino altrove – non ho tempo nè ragione di preparare tali pagine.
  4. Content delivery ad hoc per chi proviene da quella serp (cloaking sul referer) – l’avrei fatto se la chiave fosse stata più interessante.
  5. Realizzare una landing page ad hoc da posizionare in luogo di quella attuale – se il blog avesse avuto un taglio diverso, avrei optato per questa soluzione.
  6. Segnalare direttamente al motore di ricerca il problema, e lasciare che siano loro a modificare la serp – ora mi prenderete per pazzo, ma ho scelto proprio questa strada.

Se mi sono autosegnalato, un motivo c’è, non sono (ancora) uscito di testa.

Di motivi, anzi, ne ho due:

  • Quei cento utenti al giorno, non li voglio. Non voglio che questo blog sia letto da tanta gente comune, voglio che sia seguito da una ristretta cerchia di persone competenti in materia di web marketing e seo.
  • Spero di dare una mano per migliorare un motore di ricerca che non sia Google: una sana competizione basata sulla qualità dei risultati farebbe bene a tutti (particolarmente a noi SEO).

Se siete arrivati alla conclusione di questo post, dovrebbe anche esservi chiaro il senso della frase di apertura che, ormai l’avrete capito, altro non è che una provocazione (un po’ come il titolo del post – non me ne vogliate 😉 ).

Allora riformulo:

il posizionamento non serve a nulla, anzi può addirittura essere dannoso, quando è fine a sè stesso e se non è supportato da un adeguato studio del target, da una landing page adatta e da una attenta analisi del traffico“.

P.s. su Live.com sono primo, ma non è che su Google vada poi tanto meglio: per “Squatting” (definizione) quel famigerato post si trova infatti nelle prime posizioni

Sì, voglio ricevere la newsletter

Inserisci i tuoi dati per accedere ai contenuti esclusivi.

8 thoughts on “Essere al primo posto su "Myspace"

  1. Vedi però ti trovano anche i SEO ?!

    Scherzi a parte… è anni che affermo le stesse cose e trovo anche in questo caso molte opposizioni (stranamente anche da esperti del settore). La cosa un po’ mi delude ma sorvolo.

    Quello che faccio notare più spesso nelle mie argomentazioni è che il posizionamento non serve per farti salire nei motori di ricerca. Serve per amplificare il lavoro svolto nel sito web.

    Mi spiego:

    Se hai un sito web scadente amplificherai l’effetto negativo che deriva dalle tue pagine, mentre se il sito è fatto “come si deve” trarrai dei benefici.

    Molto spesso si sottovaluta questo dettaglio perchè i seo (soprattutto quelli scarsi) pensano che ottimizzare e posizionare qualsiasi cosa porti dei benefici… cioè non si preoccupano di COSA si sta posizionando. Credo dipenda da fattori di ingenuità/incapacità nella progettazione LOGICA E COMMERCIALE dei contenuti e del layout.

    Mi fa piacere che ci siano post come questi, un po’ controcorrente perchè aiutano a non considerare il posizionamento come il valore assoluto per un sito web di successo.

    Tralascio tutto il discorso sul traffico targettizzato che già conosci…

    Tu cosa ne pensi?!

  2. ciao ragazzi, mi trovate ovviamente entrambe d’accordo, e anzi ringrazio Petro per il test anche perchè ne stavo facendo uno simile, ma senza ottenere quel risultato. sicuramente non mi sta riuscendo perchè, proprio per evitare tali situazioni già affrontate, ormai ho abbandonato le keywords e sono passato direttamente e unicamente alle keyphrases. Lavorando solo sulle Keyphrases annulli completamente questo rischio, e si ottengono unicamente visite mirate. Se non lo avevi considerato spero di essere stato di aiuto. Un saluto a tutti e alla prossima!

  3. Forse è un po’ tardi per il mio commento, ma volevo scriverlo lo stesso, anche solo per segnalare che sono pienamente d’accordo.

    Manco a farlo apposta, qualche tempo fa scrissi qualcosa di molto simile.

    A volte sarebbe meglio che certi siti non si trovassero…

  4. azz…posso dire sinceramente che è la prima volta che sento parlare di una richiesta per retrocedere ad un motore di ricerca. Sai quanti siti vorrebbero stare al posto tuo? Cmq mi sarebbe interessato sapere com’è andata a finire e cosa ti ha risposto il motore di ricerca.
    Leggendo questo post mi è sorto un dubbio : nelle varie directory in giro per il web non vanno inserite le stesse parole che sono presenti come parole chiave o comunque come descrizione all’interno del nostro sito poichè questo penalizza il sito stesso. Non so se mi sono spiegato bene ma volevo intendere che una la stessa descrizione presente su più siti li penalizza tutti portando ad un’arretramento nei motori di ricerca poichè diventa un testo banale. E giusto questo?
    Grazie

  5. Non sono d’accordo con Te solo perchè… sono una schiappetta; infatti se fossi stato bravo come chi scrive questo Blog sarei stato -forse- ancora più ‘snob’. E’ una noia vedere commenti scritti da gente che ti domanda cose ovvie, oppure scritti da qualcuno che ti dice ‘bravo’ solo perchè poi ti lascia l’url del sito – io di solito gliele cancello…-. Comunque vogliamo dare la possiilità a poveracci come il sottoscritto che ci mettono ore per interpretare spiegazioni tipo questa? Almeno l’impego, secondo me, va premiato. Lo sai che ti dico? Io ho fatto svariati lavori in vita mia e a volte ho imparato delle cose interessantissime da persone che erano alle prime armi in altri campi: a volte – poche- Ti danno delle visioni delle cose che i Tuoi studi o le Tue ‘solite ripetitive cose che fai’ non ti permettono di vedere. Un ammiratore.

  6. Ed ecco (in ritardo) le mie risposte ai commenti:

    @Nicola: completamente d’accordo!

    @Emanule: lavorare sulle keyphrase invece che sulle keyword aiuta ad ottenere visitatori più in target, ma spesso si cerca la keyword secca perché porta traffico. Chiaramente, tutto dipende dagli obiettivi…

    @Fradefra: Non è tardi, grazie per essere passato 😉

    @Montecastelli: per stavolta sorvolo sull’anchor text… comunque, le penalizzazioni sono un’altra cosa. Leggiti i brevetti sul Boilerplate

    @BlogMasterPg: ti ringrazio per il commento e per i complimenti. L’impegno di solito premia, e non si finisce mai di imparare… Vado a leggere il tuo blog. Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *