Software SEO per analizzare posizionamenti e link in entrata

In molti avete chiesto un consiglio, in privato o su questo stesso blog, circa i programmi da usare per svolgere determinati compiti. Dopo lunghe ricerche e numerose prove, ho trovato alcuni programmi che rispondono proprio a queste esigenze: ecco quindi un nuovo articolo dedicato ai software per SEO.

In questo post vi presento due programmi che ho comprato qualche mese fa, si tratta di:

  1. un software per controllare il posizionamento di siti e pagine per parole chiave
    (ed estrarre automaticamente il numero dei risultati per determinate query)
  2. un tool per analizzare i backlink, che verifica i valori SEO di ogni link in entrata
    (e con cui esaminare i fattori on-page e on-site di elenchi di URL)

Vediamo in dettaglio questi due software, che fanno parte della stessa suite di programmi.

Continue reading

Sì, voglio ricevere la newsletter

Inserisci i tuoi dati per accedere ai contenuti esclusivi.

Strategie di posizionamento: bottom-up

Lavorare a progetti SEO per nomi molto noti, potendo contare sul supporto del reparto marketing e PR del marchio stesso, spesso fa sì che i risultati di branding e buzz ottenuti offline si ripercuotano positivamente sul traffico e sui posizionamenti di un sito web.

Link spontanei che nascono come funghi presso i siti di blogger e comunità appassionate, visite e conversioni che vanno avanti trainate dalla pubblicità tradizionale, ricerche di tipo “navigational” che si ripetono a migliaia presso i motori di ricerca: sono solo alcuni dei fenomeni che si notano facendo SEO per conto di brand ben conosciuti presso il grande pubblico.

In queste condizioni il lavoro è, per molti aspetti, più semplice. Ma cosa fare se non si ha la fortuna di poter beneficiare degli sforzi sostenuti dal brand stesso, perché magari è poco noto o magari perché il sito è nuovo e non può contare su appoggi forti?

Come agire quando gli obiettivi di traffico organico e conversioni devono essere raggiunti potendo contare solo sulle proprie forze, magari in un mercato competitivo?

C’è una strategia che può aiutare in questi casi: si tratta di una strategia di posizionamento che copre, in due fasi, sia il breve che il lungo periodo, e che adotta un approccio “bottom-up“.

Continue reading

Sì, voglio ricevere la newsletter

Inserisci i tuoi dati per accedere ai contenuti esclusivi.